December 15, 2013 at 02:41PM

All’inizio del XXI secolo, che s’annuncia come il secolo dove il “fluido” (Zygmunt Bauman) tende a sostituire ovunque il solido, come l’effimero sostituisce il duraturo, come le reti sostituiscono le organizzazioni, le comunità le nazioni, i sentimenti transitori le passioni di un’intera vita, gli impegni puntuali le vocazioni immutabili, gli scambi nomadi i rapporti sociali radicati, la logica del Mare (o dell’aria) quella della Terra; si constata che l’uomo avrà consumato in un secolo riserve costituite dalla natura in trecento milioni d’anni. Se ne traggano le conclusioni

~Alain de Benoist http://ifttt.com/missing_link?1387115547